La rana e il bue - COTIDIE LEGERE - Vesione latino Fedro

la rana e il bue versione latino di Fedro tradotta dai libri COTIDIE LEGERE E LIBRO IMAGINE

Inops, potentem dum vult imitari, perit. In prato quondam rana conspexit bovem et tacta invidia tantae magnitudinis rugosam inflavit pellem: tum natos suos interrogavit, an bove esset latior.

Illi negarunt. Rursns intendit cutem maiore nisu et simili quaesivit modo, quis maior esset.

Illi dixerunt bovem. Novissime indignata dum vult validius inflare sese, rupto iacuit corpore.

Chi non ha possibilità e vuole imitare il potente, finisce male.

La rana vide una volta il bue al pascolo e presa da invidia per tanta grandezza gonfiò la pelle rugosa: poi chiese ai suoi figli se fosse più grossa del bue.

Loro risposero di no. Tese di nuovo la pelle con sforzo maggiore e nello stesso modo domandò chi fosse più grande.

Loro dissero il bue. Alla fine, esasperata, mentre cercava di gonfiare ancora di più tutta se stessa, il suo corpo scoppiò e così giacque.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:15