La voce del pavone

Fedro latino allo specchio
Inzia: Pavo ad Iunonem ut reclamaret venit, quod deav Finisce: Ne adfectaveris quod tibi non est datum, ne delusa spes ad querelam recidat"

Un pavone venne da Giunone per lamentarsi, perché gli dei non gli avevano concesso il canto dell'usignolo; perciò così disse: "Si ritiene il pavone il più meraviglioso degli uccelli: ma allo stesso tempo, quando emette la voce, viene deriso da tutti".

Allora la dea, per offrire conforto all'animale rispose: "Ma tu prevali per la bellezza, prevali per la nobiltà: lo splendore dello smeraldo rifulge sul tuo collo e apri la coda gemmea di penne variopinte.

Per decisione del fato agli animali è assegnato un ruolo: il pavone è molto famoso per la bellezza, l'aquila è molto nobile per la forza, l'usignolo è noto per il canto melodioso, il corvo è molto celebre per la divinazione e tutti sono contenti delle proprie qualità.

Non aspirare a ciò che non ti è stato concesso, affinché la speranza delusa non si muti in dolore. "

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:15