L'allodola e la volpe - LINGUA MAGISTRA VERSIONE LATINO

L'allodola e la Volpe
versione latino da Fedrotraduzione
dal libro LinguaMagistra vol. 1 pagina numero
Alauda quae in terra nidum componit, ...
da altro libro di testo

alauda quae in terra nidum componit, olim fortei in silva improbam (improbus malvagio) vulpeculam (piccola volpe) videt et ob timorem (per il timore) pennas ad ventum aperit (aperire, aprire), se in caelum levat et in alto saxo se ponit.

Salve dicit ei vulpecula cur (perchè) me fugis? abunde in pratis vel in agris vel in silvis est mihi cibus grilli, scarabaei, locustarum (locusta, cava… copia timere ergo (dunque) non debes, ego te diligo (apprezzo) propter quietum ingenium tuum et vitam probam (probus, onesto).

Ego tibi socia sum respondet tamen alauda: t u quidem(senza dubbio) bene praedicas : in terra non sum tibi par (pari, dello stesso valore) sed in coelis.

cur ergo (dunque) tu mecum in altum non venis? tibi vitam meam in coelo commitam (committere, a ffidare): in terra pravis fiduciam non adhibebo (adhibere, prestare)

L'allodola e la Volpe
versione latino da Fedrotraduzione dal libro Lingua
Magistra vol. 1 pagina numero

L’allodola, che realizza il nido per terra un giorno per caso nel bosco vede la piccola volpe malvagia e per la paura apre le piume al vento, si alza nell’aria e si colloca su un’alta rupe. “Salve” le dice la piccola volpe, “Perché mi rifuggi? Nei prati o nei campi o nei boschi per me c’è cibo in abbondanza, grilli, scarabei, abbondanza di cavallette; non devi dunque temere, io ti apprezzo per la tua indole pacifica e la vita onesta. Io ti sono amica”. Risponde tuttavia l’allodola: “Tu senz’altro dici bene: sulla terra non sono pari a te, ma nell’aria. Perché dunque non vieni tu in alto con me? Nell’aria ti affiderò la mia vita: sulla terra non accordo fiducia ai malvagi”.

1. L’allodola e la volpe si incontrano nel bosco, mentre l’allodola è a terra.
2. La volpe dice di avere cibo in abbondanza e di non aver bisogno di mangiare l’allodola per saziarsi.
3. L’adulazione è evidente dalle dichiarazioni di apprezzamento per la condotta di vita dell’allodola e dall’esternazione di amicizia.
4. La morale è che gli avversari vanno affrontati sul proprio terreno e non su quello che per essi sarebbe più vantaggioso.
1. L’allodola e la volpe si incontrano nel bosco, mentre l’allodola è a terra.
2. La volpe dice di avere cibo in abbondanza e di non aver bisogno di mangiare l’allodola per saziarsi.
3. L’adulazione è evidente dalle dichiarazioni di apprezzamento per la condotta di vita dell’allodola e dall’esternazione di amicizia.
4. La morale è che gli avversari vanno affrontati sul proprio terreno e non su quello che per essi sarebbe più vantaggioso.
da altro libro di testo

L' allodola, che fa il nido in terra, un giorno per caso vede nel bosco una piccola volpe malvagia e, per il timore, apre le ali al vento, si alza in cielo e si pone su un' alta roccia. "Salve", le dice la piccola volpe, "perchè mi sfuggi? Io ho, sia nei prati che nei campi che nei boschi, da cibarmi in abbondanza di grilli, di scarabei, di locuste; quindi non devi avere paura; io ti apprezzo per la tua indole tranquilla e per la tua vita onesta. Io ti sono alleata". Risponde tuttavia l' allodola: " Tu senza dubbio dici bene: in terra non ti sono pari, a differenza dei cieli. Dunque, perché non vieni tu in alto? In cielo ti affiderò la mia vita: in terrà non presterò fiducia ai malvagi"

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:02:06