L'asino e il lupo - VERSIONE latino Fedro

L'asino e il lupo versione latino Fedro

Asinus, qui in prato herbam carpebat, cum lupum vidisset, simulavit se claudum esse.

Lupus appropinquavit eumque rogavit cur claudicaret. Cui (=ei) asinus ita respondit: "Cum per silvam errarem, pedem in spina posui, quae in eum penetravit; ideo, antequam me vores, spinam extrahe, ne os et linguam tibi pungat.

Lupus stulte asini verba esse vera putavit, et, cum ille pedem levavisset, oculos admovit, ut spinam cerneret. Tum asinus pede eius os vehementer percussit, ac lupus, cum omnes dentes eo ictu amisisset, nec iam ullum asino metum incutere posset, gemuit: “Intelligo me stultum fuisse;

nam, cum a patre solum artem praedandi et enecandi didicissem, medicinam exercere non debebam”.

Un asino, che mangiava l’erba nel prato, avendo visto un lupo, finse di essere zoppo.

Il lupo si avvicinò e gli chiese perché zoppicasse. L’asino gli rispose così: “Vagando per il bosco, misi la zampa su una spina, che entrò in essa; perciò prima di divorarmi, togli la spina, affinché non punga la tua bocca e la (tua) lingua.

” Il lupo stoltamente pensò che le parole dell’asino fossero vere e, avendo quello sollevato la zampa, avvicinò gli occhi per vedere la spina. Allora l’asino colpì la sua bocca (la bocca di quello) fortemente con la zampa e il lupo, avendo perso tutti i denti con quel colpo, ormaì non potendo più incutere timore all’asino, gemette: “Capisco che sono stato stolto;

infatti avendo imparato dal padre soltanto l’arte di predare e di uccidere, non dovevo adoperare l’arte della medicina”.

Altra versione stesso titolo

Asinus in prato placidus depascit, cum subito lupus famelicus apparet. Tum asinus callidus se claudum simulat et ingemit. Lupus curiosus ad asinum appropinquat et causam eius mali quaerit. Asinus maestus respondet: "Heri in rubeto acuta spina in ungulam meam penetravit: extrahe, quaeso, ex ungula mea spinam, lupe, postea libenter cibus tuus fiam. Lupus famelicus annuit et condicionem accipit, quia iam asini carnem praegustat. Sed dum lupus spinam in asini ungula quaerit, ille calcibus lupi maxillas frangit, postea salvus integerque discedit

Un asino pascola tranquillo in un prato quando improvvisamente appare un lupo affamato. Allora l'asino finge una caduta e si lamenta. Il lupo incuriosito si avvicina all'asino e gli domanda il motivo del suo male. L'asino risponde mesto: Ieri in un roveto una spina aguzza mi è penetrata in uno zoccolo: ti prego, toglimi la spina dallo zoccolo, o lupo, poi sarò volentieri il tuo pasto. Il lupo affamato annuisce e accetta la condizione poiché già pregusta la carne dell'asino. Ma mentre il lupo cerca la spina nello zoccolo dell'asino, questo con un calcio rompe la mascella del lupo, poi sano e salvo se ne va.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:51:15