Guerra servile - Superni gradus

Florolibro Superni Gradus pagina 86 Numero 16

Sicilia vastata est multo cruentius bello servili quam Punico.

La Sicilia fu devastata dalla guerra servile, in modo molto più cruento della guerra punica.

Offrirono occasione alla guerra i servi che nei latifondi coltivavano la terra dei cittadini romani. Un certo Siro, di nome Euno, simulando un furore demente, spinse i servi a liberarsi(alla libertà); poi, dimostrando che lo faceva per volontà degli dei, nascosta una noce in bocca che aveva riempito di zolfo e di fuoco, soffiando dolcemente mentre parlava(tra le parole), spargeva fiamme.

Con questo prodigio raccolse sessantamila uomini e, decorato con le insegne regali, devastò con un miserabile saccheggio fortezze, villaggi, città. Infine, Perperna, comandante dei Romani, sconfisse Euno e i suoi compagni e li punì con i ceppi, catene e croci.

release check: 2020-12-03 23:30:21 - flow version _RPTC_G1.1