Il re Filippo di Macedonia scrive ad Aristotele (Versione latino Gellio)

Il re Filippo di Macedonia scrive ad Aristotele
versione latino Gellio

Philippus, Amyntae filius, terrae Macedoniae rex, cuius virtute industriaque Macetae locupletissimo imperio aucti gentium nationumque multarum potiri coeperant et cuius vim atque arma toti Graeciae cavenda metuendaque inclitae illae Demosthenis orationes contionesque vocificant, is Philippus, cum in omni fere tempore negotiis belli victoriisque adfectus exercitusquel esset, a liberali tamen Musa et a studiis humanitatis numquam afuit, Feruntur adeo libri epistularum elus munditiae et venustatis et prudentiae plenarum, velut sunt illae litterae, quibus Aristoteli philosopho natum esse sibi Alexandrum nuntiavit.

Ea epistula, quoniam curae diligentiaeque in liberorum disciplinas hortamentum est, digna est quae legatur ad hanc ferme sententiam: "Philippus Aristoteli salutem dicit.

Filium mihi genitum scito. Quod equidem dis habeo gratiam, non proinde quia natus est, quam pro eo, quod cum nasci contigit temporibus vitae tuae. Spero enim fore, ut eductus eruditusque a te dignus exsistat et nobis et rerum istarum susceptione"

Filippo, figlio di Aminta, era re di Macedonia. Grazie al valore e all'energia di lui, i Macedoni conquistarono un vastissimo impero, cominciarono a estendere il proprio dominio su numerose genti e nazioni, sì che - come si va proclamando nelle famose orazioni e discorsi di Demostene - finì per rappresentare per i Greci un nemico da temere per la grande potenza e gli armamenti.

Quel Filippo, mentre era quasi sempre intento e del tutto dedito a far la guerra e a vincere battaglie, pure non fu mai estraneo alle Muse, alle arti liberali e alla cultura, e le azioni e le parole sue mostravano finezza e gusto.

Son in circolazione raccolte di sue lettere, piene di eleganza, grazia e saggezza, come quella nella quale annunzia al filosofo Aristotele che gli è nato il figlio Alessandro.

Ciò parsa degna di essere riportata, tale lettera, come ammonimento per i genitori, giacchè contiene un incoraggiamento ad occuparsi con cura e diligenza dell'educazione dei figli. Ecco in quali termini è concepita: "Filippo ad Aristotele, salute. Sappi che mi è nato un figlio, perciò ringrazio gli dei, non tanto perché sia nato, ma perché ha avuto la fortuna

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:48:28