Ironia di Annibale (Versione latino Gellio)

Ironia di Annibale versione latino di Gellio e traduzione
prima riga: In libris veterum memoriarum scriptum est Hannibalem Carthaginiensem apud regem Antiochum facetissime cavillatum esse.

ultima riga: Nihil prorsum neque tam lepide neque tam acerbe dici potest: rex de numero exercitus sui ac de aestimanda aequiparatione quaesiverat, respondit Hannibal de praeda.

Nei libri antichi delle memorie è raccontato Annibale Cartaginese essere presso Antioco piacevolmente scherzoso.

Questa ironia, detta delicata, fu di tal maniera. Antiochia, nella ricchissima città, mostrava nella pianura a lui Antioco le truppe straordinarie, le quali dalla guerra contro il popolo avevano confrontato per combattere, e cambiava l'esercito con insegne d'argento e d'oro fiorente; Guidava anche un corno con falconi ed elefanti con torri fornite di cavalieri e di briglie, di selle, di manili, di folaghe splendenti.

E allora il re con tante contemplazioni e cosi ornate fece guardare ad annibale l'esercito glorioso e "Plutasme" domandò: "possono essere paragonate all'altezza di tutte quelle romane?" in quel momento il cartaginese scherzoso con l'ignara altitudine alla guerra delle sue preziose armature : "sufficiente" disse "credo essere pienamente sufficiente a tutti i romani, anche se sono avarissimi".

niente dico possa essere in linea né cosi scherzoso ne cosi acerbo; il re aveva chiesto di fare un confronto riguardo al numero del suo esercito, rispose annibale immediatamente dopo il bottino (di guerra).

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:48:28