L'ira di Plutarco

Plutarchus ille, rerum scriptor excellentissimus, qui suae aetatis hominibus ingenio praestitit, quique assidue philosophiae studebat, servum malum et contumacem habebat.

Cum hic quondam malum facinus (azione) commisisset, dominus iussit eum tunica exui loroque caedi. Cum ille a conservo verberaretur, querimonias magna voce iactabat fletusque cum lacrimis effundebat, ut animum domi commovere posset; postremo, cum nihil supplicationibus consecutus esset, obiurgatoria verba adhibuit atque, ad dominum conversus, clamavit: «A philosopho numquam irae indulgendum est quia ira sapienti semper dedecori est.

Tu, me praesente atque audiente, de iracundiae malis saepissime disseruisti, sed nunc de illis disputationibus non reminisceris. Non enim dubitas tu, qui philosophus videri ac dici vis, irae indulgere et me plurimis plagis punire».

Tunc Plutarchus placide ac leniter: «Num» inquit «tibi iratus esse videor? Mihi neque oculi truces sunt, neque gestus inconsultos facio, nec quicquam, quod mihi pudori vel poenitentiae sit, dico. Haec omnia, tibi persuade, irae signa esse solent». Tum ad eum, qui servum caedebat, conversus: «Interim» inquit, «dum ego atque hic de ira disputamus, tu perage quod tibi imperavi».

Quel famoso (ille) Plutarco, storico assai eccellente, che superò tutti gli uomini della sua età  per ingegno e che si dedicava in modo assiduo alla filosofia,  aveva un servo inetto e superbo.

Poiché costui aveva commesso una cattiva azione, il padrone ordinò che gli fosse tolta di dosso la tunica e che fosse frustato. Mentre veniva frustato da un collega servo, emetteva lamenti ad alta voce e versava pianti e lacrime, per riuscire a commuovere l’animo del padrone; infine, poiché non aveva ottenuto nulla con le suppliche usò parole di rimprovero e, rivolgendosi al padrone, esclamò: “Mai il filosofo deve indulgere all’ira, perché l’ira è sempre una vergogna per il saggio. Tu, mentre io ero presente ed udivo, hai parlato molto spesso dei mali dell’ira, ma ora non ti ricordi di quei discorsi;

infatti, non esiti tu, che vuoi sembrare e vuoi essere definito un filosofo, ad indulgere all’ira e punirmi con numerose frustate”.

Allora Plutarco, lentamente e serenamente disse: “Forse ti sembra che ora io sia adirato? Non ho nè uno sguardo truce, né faccio gesti incontrollati, né dico qualcosa di cui vergognarmi o pentirmi. Convinciti che tutti questi sono di solito i segni dell’ira”. E poi rivolto a quello che frustava il servo disse: “Nel frattempo, mentre io e lui discutiamo sull’ira, porta a compimento quello che ti ho ordinato”.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 21:59:47