Le gioie inattese uccidono

Cognito repente insperato gaudio expirasse animam refert Aristoteles philosophus Polycritam, nobilem feminam ex Naxo insula.

Philippides quoque, comoediarum poeta haud ignobilis, aetate iam edita, cum in certamine poetarum praeter spem vicisset, et laetissime gauderet, inter illud gaudium repente mortuus est. De Rhodio etiam Diagora celebrata historia est. Is Diagoras tres filios adulescentes habuit, unum pugilem, alterum pancratiasten, tertium luctatorem, eosque omnes vidit vincere coronarique Olympiae eodem die: et, cum ibi eum tres adulescentes amplexi, coronis suis in caput patris positis, suaviarentur, cumque populus gratulabundus flores undique in eum iaceret, ibi in stadio, inspectante populo, in osculis atque in manibus filiorum animam efflavit.

Praeterea in nostris annalibus scriptum legimus, qua tempstate apud Cannas exercitus populi Romani caesus est, anum matrem, nuntio de morte filii allato, luctu atque maerore afectam esse; sed is nuntius non verus fuit, atque is adulescens non multo post ex ea pugna in urbem rediit. Anus, repente filio viso, copia atqueturba incidentis inopinati gaudii oppressa exanimataque est.

Anche Filippide, scrittore di commedie non proprio sconosciuto, in età ormai avanzata, avendo vinto in una gara di poeti al di là della speranza, e rallegrandosi con moltissima gioia, tra quella contentezza morì d’un tratto.

Anche su Diagora di Rodi (lett. Rodiese) esiste (c’è) una storia famosa. Questo Diagora ebbe tre figli giovani, uno pugile, l’altro pancratiaste, il terzo lottatore, e ognuno di loro vide vincere ed essere premiato alle Olimpiadi lo stesso giorno: e, mentre lì i tre figli, dopo averlo abbracciato, posate le loro corone sulla testa del padre, lo baciavano, e mentre  il popolo congratulandosi lanciava fiori da tutte le parti su di lui, là nello stadio, sotto gli occhi del popolo, fra i baci e nelle mani dei figli esalò l’anima.

Inoltre leggiamo  nei nostri annali che, nel tempo in cui presso Canne l’esercito del popolo romano fu massacrato, una vecchia madre, essendole stata portata la notizia della morte del figlio fu colpita da profonda sofferenza e angoscia; ma quella notizia non si rivelò vera, e quel giovane non molto dopo ritornò da quella battaglia in città. La vecchia, visto improvvisamente il figlio, fu violentemente colpita e uccisa.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 21:59:28