Gellio, Notti Attiche 2.8; paragrafo 15 - 20

QUANDO SI DEVE UBBIDIRE AL PADRE

Omnia, quae in rebus humanis fiunt, ita ut docti censuerunt, aut honesta sunt aut turpia.

Quae sua vi recta aut honesta sunt, ut fidem colere, patriam defendere, ut amicos diligere, ea fieri oportet, sive imperet pater sive non imperet; sed quae his contraria quaeque turpia, omnino iniqua sunt, ea ne si imperet quidem. Quae vero in medio sunt et a Graecis tum μέσα, tum ἀδιάφορα appellantur, ut in militiam ire, rus colere, honores capessere, causas defendere, uxorem ducere, ut iussum proficisci, ut accersitum venire, quoniam et haec et his similia per sese ipsa neque honesta sunt neque turpia, sed, proinde ut a nobis aguntur, ita ipsis actionibus aut probanda fiunt aut reprehendenda: propterea in eiusmodi omnium rerum generibus patri parendum esse censent, veluti si uxorem ducere imperet aut causas pro reis dicere.

Quod enim utrumque in genere ipso per sese neque honestum neque turpe est, idcirco, si pater iubeat, obsequendum est. Sed enim si imperet uxorem ducere infamem, propudiosam, criminosam aut pro reo Catilina aliquo aut Tubulo aut P. Clodio causam dicere, non scilicet parendum, quoniam accedente aliquo turpitudinis numero desinunt esse per sese haec media atque indifferentia.

Traduzione libera

Tutte le cose, in ambito umano, secondo quanto i dotti hanno decretato, possono essere o oneste o turpi.

Quelle per propria natura rette ed oneste, come ad esempio mantenere una promessa, difendere la patria o amare gli amici, è doveroso che vengano adempiute, sia che i padri ce lo impongano sia che no. Ma quelle a queste contrarie o comunque turpi, in quanto assolutamente inique, non andrebbero certo fatte, neppure se ci venisse chiesto. Quelle poi che stanno nel mezzo, e che i Greci chiamano μέσα (medie) o ἀδιάφορα (neutre), e che possono essere ad esempio entrare in una milizia, coltivare un campo, aspirare agli onori, difendere delle cause, sposarsi, impartire degli ordini, rispondere a una chiamata… essendo (esse e simili) per se stesse né giuste né inique, poiché dipendono dal modo in cui le si esegue, non possono essere come tali né approvate né condannate.

Perciò i dotti, in questo genere di cose, quali ad esempio sposarsi o difendere un accusato, affermano che si debba sempre obbedire al padre.

Il qual genere di cose difatti, per se stesso non sarebbe né buono né cattivo, per cui se il padre le comanda, si dovrebbe obbedire! E tuttavia, se ci venisse imposto di sposare una donna infame, svergognata o criminale o di prendere la parti di un qualsiasi Catilina, Tubulo o P. Clodio, chiaramente non sarebbe giusto farlo poiché, oltre un certo grado di turpitudine, tali azioni non sarebbero più qualcosa di medio e di moralmente indifferente.

Traduzione letterale e commento by Adriano

Omnia, quae in rebus humanis fiunt, ita ut docti

Tutte le cose che esistono (fiunt=sono fatte) in ambito umano (letteralm., nelle cose umane), così come i dotti

censuerunt, aut honesta sunt aut turpia. Quae sua vi recta

decretarono, sono o oneste o turpi. Quelle che per propria natura (=forza) rette

aut honesta sunt, ut fidem colere, patriam defendere, ut

o oneste sono, come mantenere fede [a un impegno], difendere la patria, come

amicos diligere, ea fieri oportet, sive imperet pater sive non

amare gli amici, queste è opportuno farle (=che siano fatte), sia che (=o) il padre comandi sia che (=o) non

imperet; sed quae his contraria quaeque turpia, omnino

comandi; ma quelle che [sono] a queste contrarie oppure (letteralm., e che: quae-que) turpi, sono del tutto

inique; esse, certamente nemmeno se (ne si) [il padre] le imponga [sono da fare, sottint.]. Quelle che in verità nel mezzo

sunt et a Graecis tum μέσα, tum ἀδιάφορα appellantur, ut in

stanno e dai greci a volte μέσα, a volte ἀδιάφορα sono chiamate, come in

militiam ire, rus colere, honores capessere, causas defendere,

un esercito arruolarsi, mantenere un podere, tendere ad onori, difendere delle cause,

uxorem ducere, ut iussum proficisci, ut accersitum venire,

prendere moglie, come dare un ordine, come venire se chiamato,

quoniam et haec et his similia per sese ipsa neque honesta

poiché sia esse sia quelle a esse simili per se stesse né oneste

sunt neque turpia, sed, proinde ut a nobis aguntur, ita

né turpi sono, ma [lo sono] a seconda (proinde) di come da noi sono agite, perciò (così)

ipsis actionibus aut probanda fiunt aut reprehendenda:

pur essendo medesime le azioni (ipsis actionibus=ablativo assoluto con verbo sottinteso?) [tali cose/comportamenti] possono essere (=sono fatte) da approvare o da biasimare:

propterea in eiusmodi omnium rerum generibus patri parendum esse

Ragion per cui in cose di questo tipo (letter., nei generi di tutte le cose di questo tipo: eiusmodi) che al padre (=patri è dat. sing.) sia da obbedire (parendum=modo genundivo da pareo: obbedire)

censent, veluti si uxorem ducere imperet aut

decretano (meglio: [i dotti] decretano che si deve obbedire al padre), come quando (letter., come se) ci viene ordinato (letteralm., ci ordini) di prender moglie o

causas pro reis dicere. Quod enim utrumque in genere ipso

di perorare la causa dei rei. La qual cosa (Quod, pronome relativo, si riferisce a quanto detto nell’ultima proposiz.) difatti (NB: uterque è un pronome indefinito che esprime ambivalenza (l’uno e l’altro), e in questa frase non avrebbe senso tradurlo) in questo genere

per sese neque honestum neque turpe est, idcirco, si pater

per se stessa non è né onesta né turpe, per cui (idcirco), qualora il padre

iubeat, obsequendum est. Sed enim si imperet uxorem

lo ordini, sarebbe da fare (letteralm., obbedire). Ma infatti (…l’“infatti” qui, serve a richiamare i concetti espressi nella penultima proposizione) se ci venisse ordinato (letteralm., se ci chieda) una moglie

ducere infamem, propudiosam, criminosam aut pro reo

di sposare infame, svergognata, criminale, o a favore di un imputato,

Catilina aliquo aut Tubulo aut P. Clodio causam dicere, non

(come) un qualche Catilina o Tibulo o P. Clodio, di perorare la causa, non

scilicet parendum, quoniam accedente aliquo turpitudinis

ovviamente (=scilicet) [sarebbe] giusto obbedire, poiché quando si eccede una certa quantità (=numero) di turpitudine,

numero desinunt esse per sese haec media atque indifferentia.

queste azioni (=haec) cessano di essere per se stesse medie e indifferenti (moralmente).

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 21:59:47