Archedemo, "il cane da guardia" di Critone

Καὶ ἐκ τούτων ἀνευρίσκουσιν Ἀρχέδημον, πάνυ μὲν ἱκανὸν εἰπεῖν τε καὶ πρᾶξαι, πένητα δέ· οὐ γὰρ ἦν οἷος ἀπὸ παντὸς κερδαίνειν, ἀλλὰ φιλόχρηστός τε καὶ ἔφη ῥᾷστον εἶναι... ἐν ἡσυχίᾳ ἦν, ἀλλὰ καὶ οἱ φίλοι αὐτοῦ.

(Versione di Greco da Senofonte)

TESTO GRECO COMPLETO

E da queste cose scoprono Archedemo, grandemente abile nel parlare e nell'operare ma povero; i fatti, egli non era tale da trarre profitto da ogni cosa, ma era amante della virtù e diceva che era facile arricchirsi dai sicofanti.

Per questo dunque Critone quando raccoglieva il grano o l'olio o la lana o altra cosa fra quelle che nascono in campagna utili per la vita, (glie)le donava;

e lo chiamava per i sacrifici. ...(CONTINUA)

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 00:37:03 - flow version _RPTC_G1.1