Gli argonauti entrano nel Ponto Eusino (Versione greco)

Και τοις Αθηναιοις και τοις Λακεδαιμονιοις και τοις Θηβαιοις κοινα χρηστηρια εστιν.

Των χρηστηριων δε μαλιστα τιμαται το του Απολλωνος ...

Liberatosi delle Arpie, Fineo svela agli Argonauti la navigazione, e li mette in guardia dalle rupi Simplegadi in mare.

Le Simplegadi erano enormi e straordinarie rupi e si scontravano l’una contro l’altra a causa della violenza del vento, e impedivano il passaggio via mare. Sopra di esse si portava sempre una fitta nebbia e fragore immenso, era impossibile anche per gli uccelli attraversarle.

Fineo, allora, dice agli Argonauti di lasciar andare una colomba in mezzo alle rupi: se la vedono in salvo, (dice) di navigarvi attraverso, ma se quella muore, di non provare per forza a navigare. Il vecchio proponeva, gli Argonauti ascoltavano; poi, sul far del giorno, presero il largo e, quando furono vicini alle rupi, lasciano andare dalla prua una colomba: e quella vola e lo scontro delle rupi taglia solo le punte della coda.

Dunque, essi attendono che le rupi si riaprono con fragoroso movimento e, poi, passano con l’aiuto di Era: soltanto la punta dell’aplustre della nave viene mozzata. Da allora le Simplegadi rimasero immobili.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:45:15 - flow version _RPTC_G1.1