Ciro muore nella battaglia di Cunassa

Ciro muore nella battaglia di Cunassa versione greco

ὡς δ’ ἡ τροπὴ ἐγένετο, διασπείρονται καὶ οἱ Κύρου ἑξακόσιοι εἰς τὸ διώκειν ὁρμήσαντες, πλὴν πάνυ ὀλίγοι ἀμφ’ αὐτὸν κατελείφθησαν, σχεδὸν οἱ ὁμοτράπεζοι καλούμενοι. σὺν τούτοις δὲ ὢν καθορᾷ βασιλέα καὶ τὸ ἀμφ’ ἐκεῖνον στῖφος· καὶ εὐθὺς οὐκ ἠνέσχετο, ἀλλ’ εἰπὼν “τὸν ἄνδρα ὁρῶ” ἵετο ἐπ’ αὐτὸν καὶ παίει κατὰ τὸ στέρνον καὶ τιτρώσκει διὰ τοῦ θώρακος, ὥς φησι Κτησίας ὁ ἰατρός, καὶ ἰᾶσθαι αὐτὸς τὸ τραῦμά φησι. παίοντα δ’ αὐτὸν ἀκοντίζει τις παλτῷ ὑπὸ τὸν ὀφθαλμὸν βιαίως· καὶ ἐνταῦθα μαχόμενοι καὶ βασιλεὺς καὶ Κῦρος καὶ οἱ ἀμφ’ αὐτοὺς ὑπὲρ ἑκατέρου, ὁπόσοι μὲν τῶν ἀμφὶ βασιλέα ἀπέθνῃσκον Κτησίας λέγει· παρ’ ἐκείνῳ γὰρ ἦν· Κῦρος δὲ αὐτός τε ἀπέθανε καὶ ὀκτὼ οἱ ἄριστοι τῶν περὶ αὐτὸν ἔκειντο ἐπ’ αὐτῷ. Ἀρταπάτης δ’ ὁ πιστότατος αὐτῷ τῶν σκηπτούχων θεράπων λέγεται, ἐπειδὴ πεπτωκότα εἶδε Κῦρον, καταπηδήσας ἀπὸ τοῦ ἵππου περιπεσεῖν αὐτῷ. καὶ οἱ μέν φασι βασιλέα κελεῦσαί τινα ἐπισφάξαι αὐτὸν Κύρῳ, οἱ δ’ ἑαυτὸν ἐπισφάξασθαι σπασάμενον τὸν ἀκινάκην· εἶχε γὰρ χρυσοῦν· καὶ στρεπτὸν δ’ ἐφόρει καὶ ψέλια καὶ τἆλλα ὥσπερ οἱ ἄριστοι Περσῶν· ἐτετίμητο γὰρ ὑπὸ Κύρου δι’ εὔνοιάν τε καὶ πιστότητα.

Come, dunque, avvenne il rivolgimento, anche i seicento di Ciro si disunirono, lanciandosi all'inseguimento, tranne pochissimi che rimasero vicini a lui, pressappoco i suoi cosiddetti "Commensali". Essendo con loro vede il Re e gli uomini intorno a lui;

e subito non si trattenne poù, ma dicendo: "Ecco il mio uomo!", si getta contro di lui, lo colpisce al petto e lo ferisce trapassando la corazza. Ma mentre lui colpiva, uno lo ferisce violentemente con un giavellotto sotto l'occhio; allora sorse una lotta tra Ciro, il Re, e gli uomini del seguito, a sostegno dell'uno e dell'altro, quanti dei sostenitori del re morirono, Ctesia elenca: infatti, egli era presso di lui.

Ciro stesso morì e gli otto più valenti del suo seguito giacquero su di lui. Si dice che Artapate, lo scudiero più fedele dei suoi Scettrati, quando vide Ciro caduto, dopo essere balzato dal cavallo, si gettò su di lui o e si gettò sul suo corpo.

E alcuni dicono che il re abbia dato l’ordine di trucidarlo sul corpo di Ciro; altri, invece, affermano che, dopo aver sguainato la scimitarra, si sia tagliato di suo pugno la gola: infatti, aveva una scimitarra d’oro; e portava anche una collana, bracciali e altri monili, come usano i nobili persiani; infatti, era stimato da Ciro per il suo affetto e la sua lealtà.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:48:11 - flow version _RPTC_G1.1