Gli Argonauti liberano l'indovino Fineo dalle Arpie (Versione Greco)

Gli Argonauti liberano l'indovino Fineo dalle Arpie
versione di greco e traduzione Pag. 25 n6 Triakonta

Gli Argonauti prepararono a Fineo un pranzo con vivande, ma le Arpie volate giù all'improvviso con un urlo sottrassero il cibo.

Avendole viste i figli di Boreo, Zete e Calais essendo alati, avendo estratte le spade le inseguivano nell'aria. Era destino per le Arpie essere uccise dai figli di Boreo, ed era destino dei figli di Boreo morire qualora non avessero catturato.

Essendo inseguite quindi le Arpie l'una cadde attraverso il Peloponneso nel fiume Tigre, che ora è chiamato da lei Arpi, questa la chiamano alcuni Nicotessa altri Ellopo.

L'altra chiamata Ochipete, per alcuni invece Ochitoe, lei stessa fuggendo attraverso la Propontide giunse fino alle isole Echinadi, che ora da lei osno chiamate Strofadi: infatti si voltò appena giunse presso quelle, infatti trovandosi sulla spiaggia per la fatica cadde assieme a quello che la inseguiva

Traduzione da altro libro

Gli argonauti imbandirono una tavola di cibi per Fineo, le arpie invece portano via il cibo all'improvviso giungendo con un grido. Gli spettatori Zeta e Calais, figli di Boreo, essendo alati, sguainarono le spade slanciandosi in aria. Era destino uccidere le arpie per mano dei figli di Boreo, mentre i figli di Boreo sarebbero morti qualora non si fossero abbattuti sulle colpevoli.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:40:53 - flow version _RPTC_G1.1