L'apparizione di Penelope nel megaron

Οι μνηστηρες εν σιωπη, του ενδοξου αοιδου ηκουον, διηγουμενου τον χαλεπον νοστον των Ελληνων εκ Τροιας ον ουτω δεινον αυτοις εποιησεν αθηνα .Της δε θειας ... την καρδιαν, δεινω κατεχομενην πενθει.

I proci in silenzio ascoltavano il celebre cantore che narrava il difficile ritorno dei Greci da Troia che Atena aveva reso loro così terribile.

Poiché Penelope figlia del saggio Icario udì la sua voce straordinaria scese (lett.

scende) la scala dell'alto talamo, ma non da sola. Infatti le annunciavano due inservienti. Quando Penelope giungeva alla porta della sala dei proci si fermava rivelando le guance e piangendo dice(va) al celebre cantore: "Conosci o Femio, anche molte altre imprese terribili degli dei e degli uomini che sono soliti cantare lietamente gli aedi...(continua)

Testo greco completo

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:49:37 - flow version _RPTC_G1.1