Accuse di tradimento (Versione latino)

Vercingetorix, cum ad suos redisset, proditionis insimulatus est

Vercingetorige, essendo ritornato presso i suoi, fu accusato di tradimento, perché aveva mosso l'accampamento più vicino ai romani, perché si era allontanato con tutta la cavalleria, perché aveva lasciato senza ordine una milizia tanto grande, perché i romani grazie al suo allontanamento erano giunti con tanta comodità e velocità. Tutte queste cose non potevano avvenire fortuitamente o senza un piano; lui preferì avere quel regno della Gallia per concessione di Cesare che per beneficio di questi stessi. In tal modo accusato rispose contro queste accuse: per il fatto che aveva mosso l'accampamento, era stato fatto per mancanza di foraggio anche sotto le esortazioni di questi stessi; per il fatto che si era molto avvicinato ai romani, era stato convinto dall'opportunità del luogo.

Costui quando se ne stava andando non consegnò di proposito ad alcuno il sommo comando, affinché costui non fosse spinto dal desiderio della moltitudine a combattere; vide che tutti per la dolcezza d'animo si applicavano a tale cosa, perché non potevano sopportare più a lungo il lavoro.

Questo stesso non desiderava alcun incarico da Cesare per il tradimento, che avrebbe potuto ottenere con la vittoria, che egli aveva già ed era stata sperimentata da tutti i Galli; anzi avrebbe anche lasciato a questi stessi (il comando), se gli avessero attribuito più onore, di quanto sembri che questi avessero ricevuto da costui la salvezza.
(By Maria D.)

Versione tratta da Cesare

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:18 - flow version _RPTC_G1.2