Alessandro respinge il consiglio di Parmenione

Parmenio, peritissimus inter duces artium belli, furto, non proelio

Parmenione il più esperto tra i comandanti di arti di guerra, riteneva che fosse opportuno agire di nascosto anziché attraverso una battaglia: [diceva che] i nemici potevano essere dominati a notte fonda.

[--] Quasi tutti erano d'accordo con Parmenione:  Polipercone valutava senza dubbio una vittoria insita in quel piano. Il re, guardandolo attentamente [---], disse: "Questa sagacia che mi insegni è l'astuzia dei ladruncoli e dei ladri: infatti il loro unico desiderio è ingannare.

Ma senza dubbio io non permetterò  che sempre o l'assenza di Dario, o gli ostacoli dei luoghi o lo stratagemma della notte si opponga alla mia gloria. E' fissato di assalirli apertamente con la luce: preferisco che mi penta della mia fortuna piuttosto che vergognarmi di una vittoria.

Si aggiunge anche quest'altra cosa: A queste cose si aggiunge anche questo, sono venuto a conoscenza che i barbari fanno servizi di guardia notturni e che stanno in ami, così che non possono essere neppure ingannati.
(By Vogue)

Versione tratta da Curzio Rufo

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:21 - flow version _RPTC_G1.2