Amore e Psiche (prima parte)

Erant in civitate rex et regina.

Vivevano in una città un re e una regina.

Questi avevano tre figlie bellissime: le maggiori in effetti, anche se erano molto graziose in bellezza, potevano essere celebrate tuttavia con lodi umane, ma la bellezza della fanciulla più giovane, il cui nome era Psiche, per la scarsezza di parole umane non poteva essere espressa né essere elogiata a sufficienza.

La fama dell'esimia visione affluiva moltissimi cittadini e stranieri; così l'opinione andò avanti nei giorni, così la fama si diffuse in molte isole e province.

Ormai moltissimi con lunghi viaggi affluivano alla reggia per venerare la bellissima fanciulla. E quando usciva per strada il popolo la supplicava con fiori e ghirlande. Ma questi onori tanto magnifici verso la mortale fanciulla accesero con veemente ira l'animo di Venere.
(By Maria D. )

Versione tratta da Apuleio

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:53:36 - flow version _RPTC_G1.1