Aneddoti sull'albero di pesco - Versione latino di Palladio

Aneddoti sull'albero di Pesco versione di latino di PalladioNuovo comprendere e tradurre e lingua madre

Ut aliquot scriptores ferunt, persica arbor nomen cepit a Perside, ubi primum reperta est.

A Perside Macedones, cum Dareum regem vicissent, in Graeciam novam arborem transtulerunt ut etiam Graeci eius fructus gustarent, a Graecia translata est in Italiam a Romanis paucis annis post Christum natum. Folium eius est linguae simile, flos subrutilus, fructus foris levi lanugine vestitus, sed intus carnosus, pulpae plenus praeter os durum ac scabrum.

Alexander Magnus hanc arborem tantum dilexit ut eam in Aegyptum importaverit ac eius ramis victores coronare voluerit.

Mira de persica arbore narrantur: ut Christiani tradunt, haec arbor Iesu Christo cum parentibus in Aegyptum fugienti suam umbram praebuit, quam ob rem imperator Iulianus, cum odium in Christianos haberet, imperavit ut toto imperio persicae arbores exciderentu

Come alcuni scrittori tramandano, l'albero di pesco ha preso il nome dalla Perisa, dove venne rinvenuto per la prima volta.

I macendoni dalla Persia, avendo vinto il re Dario, portarono in Grecia il nuovo albero affinché anche i Greci gustassero i suoi frutti, dalla Grecia fu portato in Italia dai Romani pochi anni dopo la nascita di Cristo. La sua foglia è simile a una lingua, il fiore rossiccio, il frutto esternamente rivestito di una leggera peluria, ma dentro carnoso, pieno di polpa eccetto il nocciolo duro e ruvido.

Alessandro Magno apprezzò tanto questo albero che lo importò in Egitto e con i suoi rami volle coronare i vincitori.

Si narrano cose meravigliose riguardo all'albero di pesco: come tramandano i cristiani, questo albero offrì la sua ombra a Gesù Cristo mentre fuggiva con i genitori in Egitto; per questo motivo l'imperatore Giuliano, provando odio per i Cristiani, ordinò di abbattere in tutto l'impero gli alberi di pesco

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 06:42:01