Bisogna usare moderazione anche con i nemici

Sunt autem quaedam officia etiam adversus eos servanda, a quibus iniuriam acceperis. Est enim ulciscendi et puniendi modus; atque haud scio an satis sit eum,

D'altra parte ci sono certi doveri che devono essere rispettati anche nei confronti di coloro dai quali tu abbia ricevuto un'offesa.

C'è, infatti, un limite del vendicarsi e del punire, e non so se sia sufficiente per chi ha subito un'ingiuria cercare di difendersi da essa, affinché egli stesso non compia simili atti in futuro e gli altri siano più cauti nell'arrecare ingiuria. E, bisogna soprattutto preservare i diritti di guerra nella cosa pubblica. Ci sono infatti due modi di disputare, uno attraverso la discussione e l'altro attraverso la forza, e poiché l'uno è proprio dell'essere umano, l'altro delle bestie, bisogna ricorrere al secondo solo se non è permesso usare il primo.

Pertanto, le guerre devono essere intraprese con quel motivo (ovvero) per vivere senza oltraggio in pace, dopo la vittoria invece bisogna preservare coloro che non sono stati crudeli o brutali in guerra, come i nostri antenati accolsero in città i Tuscolani, Equi, Volsci, Sabini ed Ernici, ma distrussero dalle fondamenta Cartagine e Numanzia; [i nostri antenati] non avrebbero voluto fare lo stesso con Corinto, ma credo che abbiano seguito una qualche opportunità soprattutto del luogo, affinché lo stesso luogo non esortasse un giorno a fare una guerra.

A mia opinione, bisogna sempre aver cura di una pace che non sia destinata ad avere nessuna delle insidie.
(By Vogue)

Versione tratta da Cicerone

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:22 - flow version _RPTC_G1.2