Cicerone scrive ad Attico dall'esilio

Ad te scripseram me in Epiro futurum esse sed, postquam extenuari

Ti avevo scritto che avevo intenzione di essere in Epiro ma, dopo che ho visto diminuire e dileguarsi la mia speranza, ho cambiato idea e non mi sono mosso da Tessalonica.

Quanto al fatto che spesso mi accusi perché sopporti questa mia circostanza tanto gravemente, devi perdonare, vedendomi così afflitto che non hai mai visto né udito nessuno. Infatti scrivi che senti dire che io sono affetto a causa del dolore da un delirio della mente, in verità ho la mente integra.

Io mi sono avvalso di questi crudelissimi e veramente nemici, che credevo che avevano molto cara la mia salvezza; questi, nel momento in cui videro che ero stato un po' inclinato dal timore mi cacciarono via così da utilizzare tutta la loro scelleratezza e la loro perfidia per la mia morte. Ora visto che io devo andare a Cizico, dove le lettere mi potrebbero esser recapitate più raramente, ti prego, scrivi per esteso tutte quelle cose che avrai pensato che occorre che io sappia.

Fa' in modo di amare mio fratello quinto; io misero lo lascio se sano e salvo, non crederò di andar totalmente perduto. Data le none di agosto.
(By Maria D.)

Versione tratta da Cicerone

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:21 - flow version _RPTC_G1.2