Curione parla al consiglio di guerra

Curio, improbans utrumque consilium, quantum animi

Curione, condannando entrambe le decisioni, diceva che quanto di coraggio mancava alla sentenza dell'uno, tanto di coraggio era in eccesso alla sentenza dell'altro: diceva che questi avevano la ragione di una vergognissima fuga, che anche quelli pensavano che bisognava combattere in un luogo sfavorevole.

Disse: "Infatti in che fiducia e in quale opera e in quale conformazione naturale del luogo confidiamo che un accampamento assai fortificato possa essere espugnato?

O in verità che profitto abbiamo, se, ricevuta una grande perdita, ci allontaniamo dall'attacco dell'accampamento? Per così dire né la fortuna delle imprese concilierà la benevolenza e né le situazioni avverse concilieranno gli odi dell'esercito verso i comandanti! In verità il cambiamento dell'accampamento cosa comporta se non una turpe fuga e la disperazione di tutti e l'alienazione dell'esercito?

Infatti né occorre che i buoni soldati sospettino in loro stessi di essere poco creduti, , né occorre che i disonesti sappiano di essere temuti, perché il nostro timore aumenti in quelli la licenza, il nostro sospetto diminuisca in questi gli ardori".
(By Maria D. )

Versione tratta da Cesare

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:18 - flow version _RPTC_G1.2