Discorso di Tarquinio Prisco

Tarquinius dixit: «Cur indignamini et miramini?

Tarquinio disse: "Perchè disdegnate e vi stupite?

Sto per chiedere una nuova cosa: sono il terzo straniero che prende il regno. Tazio divenne re non solo da straniero, ma anche da nemico, e Numa ignaro della città, non pretendeva il regno; io, lasciata la mia patria, mi sono trasferito con la moglie e tutte le fortune; ho vissuto la maggior parte della mia età a Roma;

chi è più obbediente verso il re? Chi fu più generoso di me?" A grande approvazione il popolo romano ordinò a lui che ricordava tali cose vere di regnare. Regnando Tarquinio, fu duplicato il numero dei senatori e e venne edificato il circo a Roma.

Anche il re attaccò i Sabini e unì non poco dei campi tolto a questi stessi al territorio della città di Roma ed entrò per primo trionfante in città. Costruì le mura e le cloache, pose mano al Campidoglio. Nel trentottesimo anno del potere morì per mano dei figli di Anco, di quel re a cui egli era successo.
(By Maria D. )

Versione tratta da Livio

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:27:58 - flow version _RPTC_G1.1