Generosità di Alessandro

Ex captivis Sogdianorum ad regem Alexandrum triginta nobilissimi perducti erant: qui cum cognovissent regis iussu se ad suplicium tradi, carmen canere, tripudiis et corporis motu gaudium quoddam animi ostentare inceperunt.

Erano stati condotti al re Alessandro fra i prigionieri Sogdiani trenta giovani assai nobili che quando  conobbero l'ordine del re di condurli al patibolo iniziarono a cantare un carme ed ad ostentare una certa gioia dell'animo con danze ed un allegro movimento del corpo.

Il re rimase ammirato da tanta grandezza d'animo nell'affrontare la morte, ordinò di chiamarli indietro, chiedendo loro la causa di tanta rilassata letizia, mentre avevano dinanzi agli occhi l'esecuzione capitale.

Essi rispondevano "se venivamo uccisi da un altro eravamo tristi di stare per morire, ora  invece (veniamo uccisi) da un re tanto grande, vincitore di tanti popoli e quindi celebriamo una morte onorevole con carmi e letizia.

Allora Alessandro ammirato da tanta grandezza chiese: "Volete vivere non come miei nemici e essere  in pace?" Quelli rispondevano di non essere mai stati suoi nemici, ma di essere stati aggrediti con la guerra e di aver combattuto per la libertà. Ed al re che chiedeva con quale pegno avrebbero assicurato la loro fedeltà, dissero che la vita ricevuta sarebbe stata come un pegno.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:35:51 - flow version _RPTC_G1.1