Generosità di Filemone e Bauci due poveri e anziani sposi

Ovidius, clarus poeta Latinus, narrat olim Iovem et Mercurium speciem hominum sumpsisse, ab Olympo in terram descendisse atque multa ostia pulsavisse petituros hospitalitatem.

Il poeta Ovidio famoso poeta latino, narra che una volta Giove e Mercurio avessero preso sembianza di uomo e fossero scesi dall'Olimpo sulla terra e che avessero bussato a molte porte per chiedere ospitalità.

Dopo che nessuno tra gli uomini ricchi e potenti gli offrì ospitalità, alla fine giunsero alla casa piccola e povera di Filemone e Bauci. La premurosa vecchia e il pio uomo accolsero volentieri gli dei: la moglie preparò la tavola e offrì agli ospiti il poco cibo che aveva preparato per sé e per l'uomo.

Allora gli dei consumano il modesto e gradito cibo, i vecchi coniugi videro il vino accrescersi (di sua iniziativa) da solo ed attoniti per la (nuova cosa) novità pensarono che gli ospiti fossero dei.

Allora stabilirono di sacrificare per gli l'unica oca, custode della casa ma Giove colmò di lodi la loro devozione e promise che Filemone e Bauci dopo la morte sarebbero stati trasformati in alberi e che sarebbero stati per sempre insieme.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:35:16 - flow version _RPTC_G1.1