Giasone e Pelia - VERSIONE di latino e traduzione

GIASONE E PELIA VERSIONE DI LATINO E TRADUZIONE

Iolci regnabat Aeson, sed Pelias frater eum regno expulit eiusque filium Iasonem inteficere temptavit.

A Iolco regnava Esone, ma il fratello Pelia lo scacciò dal regno, e tentò di uccidere il figlio di lui, Giasone.

A stento Esone strappò il figlio alla morte; in seguito ( lo ) affidò al centauro Chirone, perché lo istruisse. Essendo dopo divenuto adulto ( lett: dopo che crebbe, superò l' adolescenza) Giasone, avendo saputo del torto ( fatto ) al padre ( lett: siccome ebbe conosciuto il torto fatto al padre ), richiese Iolco per recuperare il regno del padre, che frattanto era morto.

Pelia lo accolse con cortesia e gli affidò una spedizione molto pericolosa: sperava infatti che in quella il giovane andasse incontro alla morte.

( spero, promitto e iuro vanno con l' infinito futuro ). " Volentieri ti restituirò il regno " disse " ma prima devi dimostrare ( lett: è necessario che tu dimostri ) un grande valore ". Giasone era tanto desideroso del regno che senza remora si sottomise alla condizione e superò con successo tutti i pericoli.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:34:25 - flow version _RPTC_G1.1