Giove e Alcmena

Alcmena uxor Amphitryonis, Thebarum regis, est.

Alcmena è la moglie di Anfitrione, re di Tebe (o dei Tebani). Giove, quando la vede, viene subito preso/rapito dall'amore.

Ma poiché la regina ama suo marito ed è leale, Giove stabilisce di tendere un tranello ad Alcmena. Quindi mentre Anfitrione conduce una guerra con i Teleboi lontano dalla patria, il re degli dei e padre degli uomini assume l'aspetto de re e simile al re va alla reggia di Tebe.

Alcmena, suo marito, - così pensa - riceve lieta. In seguito dall'ingannevole unione nasce Ercole, che aveva una natura divina perché è figlio di Giove, e (natura) umana, perché la madre non era una dea ma una donna (comune). Ercole sarà sempre in odio a Giunone, poiché quella non è capace di sopportare l'adulterio di Giove: infatti manderà contro Ercole appena nato due serpenti ma il bambino stritolerà i serpenti, quando diventerà un giovane dovrà sostenere molte fatiche.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:39:39 - flow version _RPTC_G1.1