Gli animali non percepiscono che il presente

In muto animali non est beata vita nec id a quo beata vita efficitur: in muto animali bonum non est.

Per l'animale che non parla la vita non è felice né da ciò scaturisce una vita felice: nell'animale che non parla non c'è il bene.

L'animale che non parla comprende le cose presenti dalla percezione; richiama alla memoria le percezioni precedenti quando s'imbatte in ciò da cui la percezione è sollecitata, così come il cavallo si ricorda del percorso quando viene mosso all'inizio di questo.

Nella stalla in verità non c'è nessun ricordo di quel percorso anche se è calcato spesso. Il terzo periodo, cioè il futuro, non appartiene agli animali che non parlano. Come potrebbe infatti la natura di costoro sembrare perfetta, il cui uso non è di un tempo perfetto?

Il tempo infatti consta di tre parti: passato, presente e futuro. Agli animali è stato dato soltanto ciò che è di brevissima durata, il presente: il ricordo del tempo passato è raro non viene mai rievocato se non nell'occasione di ciò che avviene nel presente. (by Maria D.)

Versione tratta da Seneca

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:48:03 - flow version _RPTC_G1.1