Gli Ateniesi non si perdono mai d'animo - Versione latino Discipuls III

GLI ATENIESI NON SI PERDONO MAI D'ANIMO
VERSIONE DI LATINO E TRADUZIONE
DAL LIBRO DISCIPUUS 3 pagina 159 numero 8

Atheniensem non effugit quam grave periculum esset.

Agli ateniesi non sfuggi in quale pericolo fossero stati.

Inviarono dungue un legato agli spartani e a lui domandarono di portare aiuti contro i persiani. A lui risposero che si rammaricavano delle calamità ateniesi, (ma che)infatti secondo le leggi dei loro avi, prima della luna piena gli spartani non potevano iniziare una guerra.

Gli ateniesi tuttavia non si persero d'animo ed elessero fra i loro cittadini 10 comandante e tra questi Milziade che era tornato da poco dal Chersoneso.

Gli altri greci si erano persi d'anima, ma gli atenesi avevano condotto le loro milizie nel campo maratonese e con una straordinaria battaglia sbaragliarono i nemici.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:27:34 - flow version _RPTC_G1.1