Grazie al suo abito povero, Abdalonimo potrà diventare re

Admiratus Hephaestion magnitudinem animi duorum iuvenum spernentium

Efestione ammirando la grandezza d'animo di due giovani che rifiutavano ciò che alcuni cercavano di ottenere a ferro e fuoco disse: "Voi in verità siate soddisfatti della virtù siate, come coloro che per primi avete compreso quanto maggiore sia aver avversione del regno, che accettarlo.

Del resto datemi qualcuno di stirpe regale, che si ricordi di aver ricevuto il regno da voi. " E quelli dicono che non c'è nessuno migliore di un certo Abdalonimo, stretto pure da una lunga parentela alla stirpe regale, ma per la penuria coltivatore di un giardino suburbano dal tronco esiguo.

La rettitudine era per lui motivo di povertà. Intento all'opera giornaliera, Abdalonimo non udiva distintamente lo strepitio delle armi, che aveva agitato l'intera Asia. Improvvisamente poi i giovani, di cui ho detto prima, entrano con la veste regale nel giardino di Abdalonimo. Allora salutato quello come re, uno di quelli disse: "Questa veste che scorgi nelle mie mani, tu devi cambiarla con questo squallore. Purifica il corpo dal terreno pantanoso e sporco a causa dei sordidi terreni: assumi l'animo del re (il coraggio di re), e mantieni questa moderazione in questa sorte, di cui sei degno.

E quando risiederai sul trono regale, come signore della vita e della morte di tutti i cittadini, bada di dimenticare questo stato in cui ricevi il regno, anzi, per ercole, per questo ricevi il regno."
(by Maria D.)

Versione tratta da Curzio Rufo

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:21 - flow version _RPTC_G1.2