Hannibalis primae victoriae

Hamilcaris post mortem, cum Hasdrubal imperator suffectus esset, Hannibal equitatui omni praefuit.

Dopo la morte di Amilcare, essendo stato nominato Asdrubale come comandante, Annibale fu a capo di tutta la cavalleria.

Ma dopo la fine di Asdrubale, l'esercito conferì a lui la supremazia del potere. Ciò fu pubblicamente approvato a Cartagine. Così Annibale che era stato nominato comandante molto giovane, assoggettò durante il successivo triennio tutte le popolazioni della Spagna con una guerra; espugnò con la forza Sagunto, una città confederata; preparò tre grandissimi eserciti. Di questi ne mandò uno in Africa, l'altro lo lasciò con il fratello Asdrubale in Spagna il terzo lo condusse in Italia con sé. Attraversò il passo dei Pirenei. Intraprese il percorso per quella direzione, quando venne a conflitto con tutti gli abitanti e li vinse.

Poi giunse presso le Alpi, che separano l'Italia dalla Gallia, che con l'esercito prima di lui solo Ercole Graio aveva attraversato; avendo combattuto gli alpini, che volevano impedire il passaggio, aprì i luoghi, munì i percorsi, fece in modo che un elefante equipaggiato potesse andare per quella via, per dove prima un solo uomo a stento aveva potuto attraversare inerme. Trasportò le milizie e giunse in Italia.

Aveva combattuto presso il Rodano con il console P. Cornelio Scipione e lo aveva respinto. Quando Scipione ed il suo collega Tiberio Longo giunsero contro di lui presso la Trebbia, Annibale intrecciò battaglia con loro e li sbaragliò. Da lì per i Liguri attraversò l'Appennino, per conquistare l'Etruria. Durante il percorso si ammalò di una grave malattia degli occhi a tal punto, che poi non utilizzò mai equamente bene il destro. Uccise il console C. Flaminio, dopo che lo aveva circondato con l'esercito presso il Trasimeno e dopo poco il pretore C. Centenio, che con una recluta scelta occupava i passi. Da lì giunse in Puglia.
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:25:29 - flow version _RPTC_G1.1