I cani e gli uomini

Homines canes semper dilexerunt atque adhuc diligunt.

Gli uomini amarono sempre i cani ed ancora  li amano.

I cani sono infatti  sono coscienti delle gioie e della tristezza dei loro padroni. I cani sono anche i custodi delle case: infatti i ladri vengono spaventati  e messi in fuga dai guaiti dei cani, dai (loro) denti aguzzi e dagli artigli energici. I cani da caccia sono amati dai cacciatori per la finezza delle (loro) narici, per la straordinaria forza, per la velocità delle zampe e per l'ardore negli scontri contro le bestie dei boschi.

Trattengono le prede e spesso le portano anche ai cacciatori. Le doti dei cani furono ostentate dagli antichi poeti e furono lodate. Presso Omero, nell'Odissea Argo il cane di Ulisse, per primo tra i familiari e gli amici riconobbe la voce del padrone dopo molti anni, dopo che aveva riconosciuto la voce, non accorse ai piedi del padrone: infatti per la vecchiaia era già senza forze.

Muoveva soltanto debolmente la coda e con voce flebile salutava il padrone . Alla fine con una morte felice, chiuse gli occhi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-17 22:40:45 - flow version _RPTC_G1.1