I Galli occupano Roma

Galli Senones usque ad Clusum pervenerant feraces Italiae regiones ferro ignique vastantes;

I Galli Senoni erano giunti fino a Chiusi devastando a ferro e fuoco le fertili regioni dell'Italia;

poi avevano disperso e messo in fuga le schiere in marcia dei Romani presso il fiume Allia. I Soldati dell'ala sinistra si rifugiarono spaventati a Veio, pochi dell'ala destra giunsero a Roma come messaggeri della strage. Al tramontar del sole i Galli sidiressero verso la città e posero l'accampamento tra Roma ed il fiume Aniene. Alla notizia di una strage tanto grande un'elevata agitazione sconvolse gli animi dei Romani.

I cittadini temevano l'imminente attacco dei nemici; dall'accampamento dei Galli udivano ululati e suoni selvaggi, e s'immaginavano nella mente figure terrificanti. I Romani ormai non avevano un esercito: perciò non tentarono neppure la difesa della città.

Per ordine del senato ed esortazione dei magistrati tutti gli uomini idonei alle armi si rifugiarono sulla rocca del campidoglio, le donne e gli anziani trovarono la salvezza nelle città vicine. Le donne lasciarono le case con pianti, le vie ed i sentieri risuonavano di tristi pianti e lamenti. L'indomani, all'alba, i Galli occuparono la città ed incendiarono e distrussero le abitazioni.(by Maria D.)

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-17 23:00:09 - flow version _RPTC_G1.1