I Galli vincono i Romani al fiume Allia

Galli Senones, gens fera et incondita, ab ultimis terrarum oris olim in Italiam veniunt ad bellum ..... Allia amnis etiam nunc Fabii cladis memoriam tenuit.

TESTO LATINO COMPLETO

I Galli Senoni, popolazione feroce e rozza, dalle ultime terra della regione arrivano in Italia, preparati alla guerra. Subito con ingenti truppe assediano Chiusi, città alleata dei Romani. Ma per paura dei nemici i Chiusini chiedono  soccorso agli alleati Romani. Vengono inviati da Roma a Chiusi ambasciatori, arbitri della pace, ma le loro preghiere vengono superbamente rifiutate dai Senoni. Allora, divampa la guerra nuovamente: da ambedue le parti si corre alle armi e si intraprende la battaglia. Anche gli ambasciatori, contro il diritto delle genti, imbracciano le armi e uccidono violentemente il comandante dei Galli. Allora i Galli, furibondi, abbandonano l’assedio di Chiusi e si dirigono a Roma con segnali minacciosi. Quando il console Fabio arriva con pochi soldati, contro i Galli, al fiume Allia, tuttavia non oppone resistenza. Presso il fiume Allia si verifica una grande strage di Romani. Quando un minaccioso schiamazzo dei nemici viene sentito i fanti e i cavalieri vengono assaliti da grande terrore: in parte vengono uccisi in un combattimento dai Galli, una gran parte di loro volge le spalle e cerca la salvezza nella fuga. Il fiume Allia anche ora/oggi conserva il ricordo della disfatta di Fabio.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-17 23:00:28 - flow version _RPTC_G1.1