II sapiente sa godere delle ricchezze senza esserne posseduto

Dubium non est quin maior materia animum suum explicandi

Non c'è dubbio che l'uomo saggio ha un'occasione migliore di esplicare il proprio animo nelle ricchezze che nella povertà.

Nella povertà infatti c'è un sol genere di virtù: non non essere umiliato né depresso. Nelle ricchezze invece sia la temperanza che la libertà che la diligenza che la disposizione che la magnificenza hanno campo aperto. Così le ricchezze rendono affetto e rallegrano il sapiente. Chi continuando dei nostri sapienti, che hanno la virtù come unico bene, nega che anche queste cose, che definiamo indifferenti, hanno un po' di valore e che altre sono di maggior valore?

Ad alcune di esse è attribuito un qualche onore (un po' d'onore), ad altre molto onore. Per non sbagliare, Lucilio, pertanto: le ricchezze si trovano tra le cose di maggior valore. Dici: "Perché dunque mi deridi, avendo un'uguale importanza presso di te che presso di me? Vuoi sapere per quale ragione non abbiano ugual importanza?

Se le ricchezze mi scivolassero di mano, non porteranno via nulla, tu invece ti stupirai e vedrai di essere stato abbandonato, se quelle retrocedessero da te; presso di me le ricchezze hanno un qualche valore, presso di te lo hanno molto elevato; alla fine le ricchezze sono mie, tu sei tra le ricchezze.
(By Maria D. )

Versione tratta da Seneca

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:18 - flow version _RPTC_G1.2