Il tempio domestico della dea Automatia

Timoleon, cum aetate iam provectus esset,

Timoleonte, essendo ormai di età avanzata, morì (perse la luce degli occhi) senza malattia.

Sopportò questa calamità così moderatamente, che nessuno udì costui che si lamentava, e né tanto meno fu presente negli affari pubblici e privati. Giungeva in verità in teatro, quando lì veniva tenuta l'adunanza del popolo, trasportato per la salute dalle giumenta unite, e così dal veicolo diceva, quelle cose che gli sembravano opportune.

E nessuno attribuiva ciò alla superbia di costui. Infatti non uscì mai niente d'insolente e di glorioso dalla bocca di costui. In verità costui, udendo che venivano predicate le proprie lodi, non disse mai altro se non che ringraziava massimamente in tale cosa gli dèi, per il fatto che, avendo deciso di ricreare la sicilia, allora avevano desiderato che lui fosse il comandante più importante.

Pensava che niente delle cose umane si potesse fare senza la volontà degli dèi. Pertanto aveva costituito il tempietto di automatia nella propria casa e lo adorava molto santamente.
(By Maria D. )

Versione tratta da Cornelio Nepote

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:25 - flow version _RPTC_G1.2