L'ambizioso piano di riforme di Cesare

Caesar, rerum potitus, conversus ad ordinandum rei publicae statum, senatum supplevit et praetorum, aedilium, quaestorum numerum ampliavit.

Cesare, impadronitosi del potere, proiettato ad ordinare lo stato della repubblica, completò il senato ed ampliò il numero dei pretori, degli edili dei questori.

distribuì ottantamila cittadini nelle colonie d'oltremare: offrì la cittadinanza a tutti i medici e agli esperti delle arti liberali, per soggiornare più volentieri a Roma. Decretò molto severamente il diritto, aumentò le pene dei delitti. durante i giorni si proponeva parecchie e molte importanti decisioni relativamente a rendere salda e ad ornare Roma, allo stesso modo in merito ad ampliare e a rendere sicuro l'impero: soprattutto a costruire il tempio di Marte, una volta completato e spianato il lago in cui aveva organizzato lo spettacolo di una rappresentazione di una battaglia navale, a edificare un teatro di straordinaria grandezza presso il monte Tarpeo;

a rendere pubbliche quante più biblioteche possibili, affidata a Marco Terenzio Varrone la responsabilità di prepararle; ad essicare le paludi Pontine; a costruire una via dal mar Adriatico per il dorso degli Appennini fino al Tevere; scavare l'Istmo di Corinto; a dichiarare guerra ai Parti. la morte colpì prematuramente costui che stava compiendo e meditava tali progetti. (By Maria D.)

Versione tratta da Svetonio

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-10-02 21:32:18 - flow version _RPTC_G1.1