L'appello di Cicerone ai senatori

Omnis ingenuorum adest multitudo, etiam tenuissimorum.

È presente tutta la moltitudine di uomini liberi, anche di quelli di bassa estrazione.

Chi è infatti, a colui che questi templi, l'aspetto della città, l'appropriazione della libertà, e poi questa stessa luce e questo comune suolo della patria non sia tanto caro, quanto in verità dolce e piacevole? Stando tali cose così, senatori iscritti, non vi mancano i presidi del popolo romano: voi provvedete a non venire meno al popolo romano. Avete un console che si è salvato dai moltissimi pericoli e dall'insidia e dalla morte mediocre non per la sua vita, ma per la vostra salvezza.

Tutte le categorie, affinché possa essere preservato lo stato, si accordano nella mente, nella volontà, nello zelo, nella virtù, nella voce. La patria comune assediata dalle fiaccole e dai dardi supplichevole dell'empia congiura vi tende le mani si affida, a voi affida la vita di tutti i cittadini, a voi la rocca e il campidoglio, a voi gli altari dei penati, a voi quel fuoco sempre acceso di vesta, a voi i templi e i santuari di tutte le divinità, a voi le mura e i tetti della città.

E nessuna forza potrebbe infrangere e scrollare la vostra unione e e dei cavalieri romani e la cospirazione tanto grande degli onesti.

Versione tratta da Cicerone

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 20:53:31 - flow version _RPTC_G1.1