L'arrivo in Italia di Annibale - Preoccupazioni per la notizia per la notizia dell'arrivo in Italia di Asdrubale, fratello di Annibale

Exitu huius anni C. Laelius, Scipionis legatus, ab Tarracone profectus, Romam pervenit;

Al termine di quest'anno C.

Lelio, l'ambasciatore di Scipione venuto da Tarragona, arrivò a Roma; ed egli, entrato in città insieme ad una schiera di prigionieri, causò una notevole affluenza di persone. L'indomani, una volta essere stato condotto in Senato, spiegò che Cartagine Nuova, la capitale della Spagna, era stata conquistata, che in un solo giorno erano state riprese alquante città che avevano defezionato, e che di nuove ne erano state accolte nell'alleanza.

Sconvolse soprattutto l'animo dei senatori il passaggio di Asdrubale in Italia, la quale già a stento resisteva ad Annibale ed alle armate di lui.

Lelio, condotto anche dinanzi all'assemblea popolare, rese note le medesime cose. Al Senato sembrò opportuno, in virtù delle imprese compiute con successo da P. Scipione, decretare delle pubbliche preghiere per una giornata; a Lelio fu ordinato di tornare in Spagna insieme alle navi per mezzo delle quali era arrivato.

Versione tratta da Livio

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:48:03 - flow version _RPTC_G1.1