L'asino e la pecora

“Nemo ignorat”, dicebat olim ovis asello, “vitam nostram multo beatiorem quam tuam esse.

Nam nos a domino liberare per vasta pascua...Concedo igitur sine dubio vitam meam miseram esse, sed eam longe optabiliorem quam beatissimam vestram existimo”

TESTO LATINO COMPLETO

"Nessuno è all'oscuro" diceva una volta una pecora ad un asinello, "che la nostra vita è molto più fortunata della tua. Infatti noi veniamo liberate dal padrone per pascolare per gli estesi pascoli e per i prati assai rigogliosi, dove possiamo brucare un' erba assai dolce e bere dell'acqua assai gradevole; tu al contrario trascorri la vita in modo penoso tra durissime fatiche. Inoltre noi veniamo accarezzate dal padrone e veniamo difese dai cani dalle insidie dei lupi, tu invece molto spesso vieni frustato;

ritengo dunque che noi conosciamo i piaceri della vita e che tu (conosci) solo le percosse del bastone. Ma ritengo senza dubbio che nessuno riconosca anche voi; l'asinello rispose tranquillamente: "Quando sarete grasse, sarete portate via dal padrone da qui e non ritornerete mai all'amato ovile o ai fiorenti pascoli, ma sarete preparate per le tavole dei commensali;

molto spesso infatti ho portato su di me al mercato la pelle di numerose pecore. Ammetto dunque senza dubbio che la mia vita è miserabile, ma la reputo lungamente più desiderabile della vostra assai piacevole."

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:13:42 - flow version _RPTC_G1.1