L'astuzia di Demostene

Demosthenis astutia mirifice cuidam aniculae succursum est, quae pecuniam depositi nomine nummos a duobus hospitibus acceperat ea condicione, ut illam simul utrisque redderet.

L'astuzia di Demostene venne anch'essa mirabilmente in soccorso di una vecchietta che aveva ricevuto una somma in deposito da due ospiti  a questa condizione, di restituirla ad entrambi contemporaneamente.

Uno di questi passato del tempo le si presentò in gramaglie come se l'altro fosse morto e la ingannò portandole via tutti i denari. In seguito però sopraggiunse l'altro il quale iniziò a pretendere la restituzione del deposito.

La poverina non sapeva che fare e trovandosi nella più grande mancanza di denaro e di difensori pensava già di ricorre al suicidio impiccandosi ma opportunamente le apparve come difensore Demostene che arrivò in difesa così: "La donna" disse "è pronta a mantenere la promessa riguardante il deposito ma se non si presenterà qui il socio non può farlo perché come tu stesso sostieni fu posta esplicitamente la condizione che la somma non fosse restituita all'uno in assenza dell'altro"

Versione tratta da Valerio Massimo

fonte di traduzione

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:21:46 - flow version _RPTC_G1.1