L'autorevolezza di Timoleonte

Timoleon, qui aetate iam provectus erat, sine ullo morbo lumina oculorum amisit.

Timoleonte, che era ormai d'età avanzata, diventò cieco senza alcuna malattia (Lett.

perse i lumi degli occhi). Sopportò questa calamità così moderatamente, che nessuno lo udì lamentarsi e né di meno interrompere gli affari pubblici e privati. Giungeva in verità in teatro, dove si teneva l'assemblea del popolo, per la malattia trasportato dalle giumenta in giogo, e dal veicolo esprimeva il proprio giudizio.

Nessuno per questo lo giudicava superbo, non uscì mai dalla bocca di costui nessuna parola insolente o gloriosa. Pensava che niente delle faccende umane si compiva senza la volontà degli dèi;

e così aveva costituito a casa sua un tempietto della dea fortuna e lo curava molto devotamente. Mirabili casi si aggiungevano a questa eccellente bonarietà dell'uomo. Intraprese infatti durante il suo compleanno tutte importantissime battaglie, perciò accadde che tutta quanta la Sicilia facesse festa nel giorno del suo compleanno.
(By Maria D. )

Versione tratta da Cornelio Nepote

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:22:04 - flow version _RPTC_G1.1