La bellezza straordinaria di Psiche fa concorrenza a Venere

Erant in quadam civitate rex et regina. Hi tres

In una città c’erano un re e una regina. Questi ebbero tre figlie straordinarie per bellezza: in verità le più grandi per nascita, sebbene di bellezza molto graziosa, tuttavia si ritenevano che potessero essere celebrate in modo esaustivo con lodi umane.

Ma in verità la bellezza della fanciulla più piccola, di nome Psiche, tanto eccezionale, tanto insigne non poteva essere espressa e neppure sufficientemente essere elogiata a causa della mancanza di terminologia umana. Insomma molti fra i cittadini e numerosi forestieri, che lo scalpore dell’insigne visione per l'ammirevole celebrità riuniva, stupiti dall’ammirazione dell’insolita bellezza, veneravano senza dubbio con ammirazioni religiose la stessa Psiche come la dea Venere.

Così La rinomanza avanzava di giorno in giorno immensamente, così la fama diffusa si diffondeva ormai nelle isole più vicine e in moltissime province: che quella fanciulla senza dubbio era come la dea Venere  e tutti dovevano attribuirle un culto. Ormai molti mortali confluivano nonostante viaggi lunghi e i profondissimi percorsi del mare al glorioso esemplare del secolo.

nessun abitante di Pafo, nessuno di Cnido e nessun di Cerigo navigavano per la visione della dea Venere; i riti sacri sono confusi, i templi sono deformati, i cuscini sono distrutti, le cerimonie sono trascurate.  
(By Maria D.)

Versione tratta da Apuleio

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:37:18 - flow version _RPTC_G1.2