La statua di Esculapio viene portata a Roma

Cum Romani horribili pestilentia laborarent nec sibi consulere ullo modo possent, senatus Delphos legatos misit qui oraculum Apollinis consulerent.

I Romani essendo spossati da un'orribile pestilenza e non potendo in alcun modo provvedere a loro stessi, il senato inviò i legati a Delfi a consultare l'Oracolo di Apollo.

Per poter eliminare quella peste, Apollo gli ordinò di portare da Epidauro a Roma la statua di Esculapio, dio della medicina. I legati del senato essendo giunti a Epidauro e avendo annunciato tali notizie, gli Epidaurii risposero di non poter spostare la statua dal loro tempio.

Ma durante la notte successiva Esculapio, apparve nella camera da letto dei legati ormai senza speranza (che disperavano che erano senza speranza) in merito alla salvezza, tenendo in mano un bastone circondato da un serpente e disse: "Romani, confidate nel mio aiuto infatti io verrò con voi, per dare aiuto alla vostra città.

Mi vedrete presto nella vostra nave". L'indomani, di primo mattino, un serpente magnifico, essendo disceso dal tempio, giunse al porto e salì improvvisamente lentamente sulla nave dei Romani. Allora gli Epidaurii compresero che la divinità desiderava navigare con i romani, e permisero ai legati di portare la statua a Roma.
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 22:27:57 - flow version _RPTC_G1.1