La storia di Enea - La Sibilla cumana

Aeneas, vir summa pietate parique fortitudine praeditus, e Libya in Italiam navigans, ob fati voluntatem deflectere in Siciliam foedissima tempestate cogitur.

Enea, dotato di somma pietà e di pari coraggio, navigando dalla Libia in Italia, per volere del fato fu costretto da una terribilissima tempesta a deviare verso la Sicilia.

Qui a notte fonda l'ombra di Anchise, comparendo in sogno al figlio, persuase Enea ad andare prima di tutto dalla Sibilla e con la sua guida a discendere negli Inferi. Enea obbedendo ai moniti del padre salpò in Italia;

durante quel percorso Palinuro, il timoniere della nave, mentre dormiva (dormendo) venne precipitato in mare. Trasportato a Cuma, Enea si diresse verso l'antro della Sibilla ed avendo compiuto il sacrificio secondo il costume, consultò l'oracolo di Febo.

Qui apprese i pericoli imminenti e gli eventi della guerra futura. Da lì condotto dalle colombe giunse al ramo d'oro: avendolo raccolto e avendo immolato le vittime agli Dèi degli Inferi, con la guida della Sibilla si diresse per le oscure fauci dell'Averno agli Inferi.
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:22:21 - flow version _RPTC_G1.1