Laomedonte (seconda parte)

Vates a rege interrogatus eum monuit ut monstro Hesionam filiam praeberet.

L'indovino interrogato dal re lo ammonì di offrire al mostro la figlia Esiona.

Anche se il padre era afflitto da grande dolore, la fanciulla, legata in catene, fu abbandonata sul litorale del mare per essere divorata dal mostro marino. ma Ercole, che si trovava per caso nei pressi di Troia, nel momento in cui vide la fanciulla avvinta dalle catene sulla spiaggia, si accostò per aiutarla.

Dopo che conobbe il suo triste destino, attaccò e uccise il mostro. Laomedonte, allora, per rendersi grato, promise ad Ercole splendidi cavalli ricevuti in dono da Giove, ma poi non mantenne neppure ciò e e gli diede dei cavalli comuni.

Ercole adirato attaccò Troia con le navi, uccise Laomedonte e tutti i suoi familiari e e diede in matrimonio Esiona al suo amico Telamone: da quell'unione fu generato Teucro.
(By Maria D. )

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-23 23:49:14 - flow version _RPTC_G1.1