Onoreficenze per i benemeriti della comunità

Omnium populorum consuetudo est cives bene de civitate meritos vel artifices, suis operibus illustres, praemiis et honoribus decorare et ornare.

E' consuetudine di tutti i popoli che i cittadini meritevoli e valorosi della città, e quelli illustri per le loro opere, siano decorati e ornati con premi e onori.

La consuetudine di premi e lodi anticamente (ci) fu anche presso i Romani e i Greci. Dai Greci, dopo la battaglia di maratona, per conservare la memoria di una così illustre vittoria è eretto un tumulo con i nomi dei vincitori e iscrizioni, nel luogo in cui gli uomini forti caddero per la libertà della patria.

Dai Romani, era stato istituito il trionfo per i comandanti vittoriosi, nel quali i soldati, i centurioni, i tribuni e i comandanti supremi marciavano. I comandanti supremi portavano sulla testa una corona di alloro come segno di comando e vittoria.

Erano donati ai soldati molti e diversi generi di premi, quando si erano distinti in combattimento per coraggio e virtù. Infatti era lecito portare al collo collane preziose o ornare le teste e la fronte con corone di vario tipo. Ed erano decisi doni anche per gli scrittori, per gli artisti e i vincitori in gare poetiche dagli antichi e così erano onorate la letteratura e le scienze.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:04:52 - flow version _RPTC_G1.1