Orazi e Curiazi

Cum bellum inter Albanos et Romanos exortum est, duces Hostilius et Suffetius, paucorum nanibus fata utriusque popoli commiserunt... male sustinentem arma conficit, iacentemque spoliat.

Quando nacque ( exŏrĭor) la guerra tra gli Albani e i Romani, i capi Ostilio e Sufezio consegnarono alle mani di pochi i destini di due popoli.

Presso I Romani c'erano tre gemelli Orazi e anche presso gli Albani i tre gemelli Curiazi. Tra i re fu stipulato questo patto: Entrambi i gemelli combatteranno per la propria patria, dove ci sarà la vittoria, ci sarà anche il comando. Così i gemelli prendono le armi e avanzano al centro delle due schiere. In seguito fecero echeggiare le armi con un primo scontro.

Subito due Romani caddero spirando l'uno sull'altro: tre Albani furono feriti. Tre dei Curiazi avevano accerchiato l'Orazio; questo sebbene illeso, poiché era inferiore ai tre, finse la fuga. Era già fuggito a parecchia distanza dal luogo da dove si era combattuto quando vide uno dei Curiazi che arrivava verso di lui.

Fece un assalto su di quello e lo uccise. Ne uccise anche un altro prima che arrivava un terzo. Ormai erano soli ma non pari per speranza e per forze. Il corpo di uno dei due era illeso dalla spada e l'animo valoroso per la doppia vittoria. L'altro sfinito dalla ferita, trascinava il corpo indebolito in una corsa. Il romano esultando uccide quello che a malapena regge le armi e lo saccheggia mentre giace morto.

TESTO LATINO COMPLETO

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:16:24 - flow version _RPTC_G1.1