Orazio Coclite

Porsenna, Etruscorum rex, cum exercitu Romam contenderat.

Porsenna, re degli Etruschi, si era diretto a Roma con l'esercito.

Con il primo assalto era stato preso il Gianicolo ed i Romani erano invasi da una grande paura: poi protessero dall'attacco dei nemici la città con i presidi. La zona della città, che si affaccia sul Gianicolo, era considerata sicura da tutti a causa del fiume Tevere.

Ma le milizie degli Etruschi non erano lontane dal ponte Sublicio, quando Orazio Coclite, uomo d'insigne virtù, occupò la parte finale del ponte e da solo con un'infaticabile battaglia sostenne tutto l'impeto dei nemici;

i Romani frattanto rompevano il ponte. Quando vide che la patria era stata liberata dal pericolo imminente, Orazio, si gettò con le armi nel Tevere, e ritornò salvo dai Suoi. I cittadini Romani furono grati verso la virtù di Orazio; in ricordo di questo famoso evento fu dedicata anche ad Orazio una statua nel foro. (By Maria D.)

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:11:03 - flow version _RPTC_G1.1