Orfeo ed Euridice (2)

Orpheus lyra suaviter canit et mortuorum umbrae accurrunt;

Orfeo suona soavemente (con) la lira ed accorrono le ombre dei morti.Tace Cerbero, orrendo mostro, e i supplizi dei dannati si placano.

Il poeta commuove l’animo di Proserpina e la dea esaudisce i suoi desideri: Euridice viene resa ad Orfeo, ma, lungo la via dagli Inferi fino alla superficie, l’uomo non deve volgere lo sguardo verso la sposa.

Ma Orfeo, per la grande felicità, dimentica le parole di Proserpina e le rivolge gli occhi: immediatamente Euridice svanisce dagli occhi dell’uomo ed il povero Orfeo perde la sposa.(by Geppetto)

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-22 23:15:26 - flow version _RPTC_G1.1